twitter twitter
ita eng

Ville Venete: i giardini storici e un nuovo rinascimento a partire dal Palladio


Giovedì 13/02 a Mira presentazione de "Parchi e giardini storici del Friuli", e sabato 15/02 a Lugo di Vicenza "Palladio e la civiltà di villa".

 

MIRA (VE) - Sarà presentato a Mira in villa Venier sede dell'IRVV (Istituto Regionale Ville Venete) giovedì 13 febbraio alle ore 17:00 il volume "Parchi e giardini storici del Friuli Venezia Giulia". L'iniziativa rientra nei seminari divulgativi organizzati dallo stesso Istituto insieme al CISA (Centro Internazionale di Studi di Architettura) "Andrea Palladio" e alla Regione del Veneto. Interverranno la Presidente di IRVV Giuliana Fontanella, la coordinatrice dell'unità di gestione del catalogo beni culturali della Regione Friuli Venezia Giulia, Franca Merluzzi. Con loro anche Paolo Tomasella del Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali di Villa Manin a Passariano (UD) e Renzo Carniello, architetto e ingegnere paesaggista. A moderare l'incontro il vicepresidente di IRVV, delegato per il Friuli Venezia Giulia, Gianpi Zanata.

 

LUGO DI VICENZA (VI) - Sabato 15 febbraio 2014 a villa Godi di Lugo di Vicenza alle ore 10,30 si svolgerà il seminario divulgativo di IRVV e CISA dedicato al tema: "Palladio e la civiltà di villa, verso un nuovo rinascimento". Interverrà la presidente del Centro internazionale di Studi di Architettura "Andrea Palladio", Amalia Sartori, la presidente IRVV Giuliana Fontanella, e Andrea Savio brillante ricercatore storico dell'Università di Verona. Modera il consigliere dell'Istituto regionale Ville Venete Nazzareno Leonardi.

 

"L'iniziativa dei seminari divulgativi organizzati con il CISA sta riscuotendo un ottimo successo", afferma Giuliana Fontanella, presidente IRVV, "sia per quantità di pubblico, gli incontri infatti sono gremitissimi, sia per la qualità dei temi e dei relatori".

"E' comunque un'occasione importante sia per l'IRVV e la Regione, sia per il CISA, di spiegare e illustrare le attività svolte di conservazione e ricerca in campo architettonico, ma anche di valorizzazione del patrimonio pubblico e privato in ottica economica locale e turistica".

"La formula è molto gradita dal pubblico che segue queste tematiche culturali", prosegue Fontanella. "Da questi incontri nascono idee, nuove possibili formule di rivisitazione dell'utilizzo delle ville, anche l'invito alla riscoperta di lavori apparentemente "bassi" e manuali, ma di grande sapienza artigianale legati al restauro e ristrutturazione delle ville venete".

E conclude la Presidente: "Gli incontri sono vere e proprie occasioni di lettura del nostro passato, utilissime per affrontare le difficoltà del presente e piene di spunti per progettare il nostro futuro, l'avvenire dei territori e delle comunità che vivono attorno a questi gioielli del passato che stanno riacquistando una nuova veste e un rinnovato ruolo di propulsione economica e culturale locale e sovra-regionale!"