twitter twitter
ita eng

Istituto Ville Venete- Successo per ville aperte a villa Venier-Contarini a Mira Vecchia


26/09/2011

Una giornata di festa sabato 24 settembre per l'Istituto Regionale Ville Venete sulla riviera del Brenta a Mira (Venezia) in villa Venier-Contarini. La villa, acquisita dalla Regione e dall'IRVV alla fine degli anni '90, è stata aperta al pubblico dopo alcuni interventi per renderla accessibile a tutti in occasione delle giornate europee del Patrimonio culturale promosse dal MiBAC (Ministero dei Beni Artistici e Culturali). Diventerà presto sede operativa dell'Istituto: nel 2012 si trasferiranno gli uffici dell'IRVV ora a Venezia.
Al momento dell'inaugurazione erano presenti il sindaco di Mira, Michele Carpinetti, componente del Cda dell'istituto, che ha fatto gli onori di casa ed ha ricordato l'iniziativa turistica promozionale che coinvolge le ville della Riviera organizzata dal suo municipio in questi giorni: quattro ville per tre itinerari, in barca, in carrozza, auto o bicicletta.
Angelo Tabaro, segretario regionale alla cultura, ha ricordato come durante il restauro della villa a metà dello scorso decennio si è pensato anche al recupero del paesaggio abbattendo un vecchio edificio di cemento costruito nel parco di villa Venier negli anni del boom economico, che ospitava una palestra. Sono intervenuti anche i rappresentanti delle associazioni dei proprietari delle ville e delle dimore storiche venete e friulane, primi fruitori dei servizi dell'istituto. In particolare Alberto Passi (presidente dell'associazione Ville Venete) ha auspicato che l'istituto diventi sempre più lo sportello unico dei proprietari di ville, purtroppo sempre alle prese con la burocrazia e con diversi enti a cui rivogersi.
Con lui è intervenuto anche Giulio Bellemo (Ville Venete e Castelli) con un intervento impostato sul versante della fruizione turistica delle ville. Angelo Grella, Nazareno Leonardi e Giampi Zanata, consiglieri dell'Istituto, hanno presentato una serie di iniziative portate oggi in villa: dalla mostra promossa da "Insieme per voi onlus" con foto di Roberta Cozza, alla presentazione dello sport canoistico che vede atleti paraplegici gareggiare alla pari con gli altri atleti, e fino alla Ludoteca Albero Segnante di Padova che sperimenta linguaggi non verbali e al Veasyt tour, ovvero una guida turistico-culturale multimediale che integra diverse modalità di accessibilità linguistica e digitale per una fruibilità dei contenuti adatta a tutti.
A fare sintesi della giornata la presidente dell'IRVV Giuliana Fontanella che ha ricordato l'importanza dell'Istituto regionale per le ville venete finalizzata al recupero architettonico di questi beni: un ente guidato alla sua nascita da un suo concittadino Silvio Negro che caparbiamente è riuscito a svilupparne l'attività. Fontanella ha illustrato quel passo in più che propone con la sua presidenza: rendere accessibili le ville a tutti per diffondere la cultura della superabilità! Il pubblico presente (oltre un centinaio di persone all'inizio della manifestazione) ha potuto visitare il corpo padronale della villa che si trova a Mira Vecchia in via nazionale 13. Delle due barchesse è stato possibile visitare con una guida la foresteria ovest, resa accessibile con uno scivolo in legno, arricchita in tre stanze da affreschi con storie tratte dai poemi omerici, attribuiti a Francesco Ruschi. Recuperato pienamente e fruibile al pubblico anche il giardino.
Ora l'Istituto ha impegnato circa 1,4 milioni di euro per realizzare il restauro architettonico e la conservazione degli affreschi della barchessa a Est e per ultimare i lavori di pavimentazione nella barchessa a Ovest. Villa Venier è stata acquistata per 1,8 milioni di euro dalla Regione tramite l'IRVV alla fine degli anni '90 e salvata da sicuro deperimento. Per realizzare gran parte dei minuziosi interventi di restauro e conservazione del manufatto e di demolizione del capannone in cemento degli anni '60 (con rimozione della copertura in eternit) che occupava parte del parco, sono stati spesi tra il 2000 e il 2010 circa 2,8 milioni di euro.

Mira, 26 settembre 2011
per l'ufficio stampa IRVV - Francesco Brasco

Scarica qui il Comunicato Stampa